Fregola all’uovo

Una pasta di semola (che si può fare anche senza le uova, con la medesima preparazione) molto nota in Sardegna e divertente da preparare.

Purtroppo per ragioni di tempo, non sono più riuscita  a postare qualcosa nel blog, ma di quando in quando ritorno per regalarvi qualche ricetta!

Questa io la adoro con del pomodoro fresco e delle arselle, lo trovo un piatto decisamente estivo! Per l’inverno, si può mangiare in brodo, ancora meglio se vegetale.

Ingredienti:

  • 175 gr di semola di grano duro grossa;
  • 100 gr di acqua tiepida;
  • 2 tuorli d’uovo;
  • un pizzico di sale;
  • Mezza bustina di zafferano (a gusto);
  • una manciatina di semola fine.

Utensili:

  • Una ciotola dai bordi ampi;
  • una ciotolina;
  • un vassoio;
  • dei polpastrelli resistenti!

Preparazione:

Per prima cosa sciogliamo il sale e lo zafferano nell’acqua tiepida, sino a colorarla bene. Aggiungiamo i due tuorli d’uovo e sbattiamo bene con la forchetta, sino a incorporare bene i tuorli con l’acqua.

A questo punto, prendiamo tre manciatine di semola grossa e la versiamo al centro della ciotola, praticando poi un buco al centro del mucchio, dove versiamo un cucchiaio scarso di liquido, che copriamo con la semola che abbiamo sistemato ai lati usando i polpastrelli, senza schiacciare troppo. In sostanza, dobbiamo effettuare dei movimenti circolari, avvicinando la semola “asciutta” al centro, di modo che con l’acqua si uniscano a creare delle “palline”.

Piano piano, a pioggia, facciamo scendere della semola aggiungendola all’impasto, questo per fissare le palline. Quando però l’impasto comincia ad asciugarsi troppo, aggiungiamo il liquido, facendo attenzione a non metterlo direttamente sopra le palline, che si sfascerebbero. Se invece, l’impasto è troppo umido, aggiungiamo della semola (sempre grossa). Continuiamo a fare dei movimenti circolari, tenendo i polpastrelli leggeri, di modo da creare le nostre palline (che potremo paragonare ai grattini o ai grattoni, a seconda della dimensione). Quando siamo soddisfatti della dimensione, “chiudiamo” la fregola aggiungendo della semola fine, continuando a girare coi polpastrelli. Trasferiamo la fregola su un vassoio, sparpagliandola bene e la facciamo asciugare per almeno un giorno, sarebbe l’ideale. Se invece la si vuol preparare dalla mattina, per la sera, possono essere sufficienti anche due ore; se la si vuole express, allora la sistemiamo in forno a 120° per cinque minuti, quindi la lasciamo raffreddare.

Per la conservazione, è sufficiente metterla in un contenitore a chiusura ermetica. è possibile prepararla anche solo con l’acqua, in quel caso, le dosi per il liquido sono meno restrittive, si va a occhio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: