Frittelle dolci di zucchina

Questa ricetta è una delle mie preferite, me l’ha fatta conoscere la mia nonna paterna. Quando me le prepara io sono tanto tanto felice!

Di solito sono considerate un secondo, perché sono abbastanza corpose, ma credo che siano carine da proporre anche come aperitivo.

Ingredienti (per una dozzina di frittelline):

  • Mezza zucchina verde;
  • un uovo;
  • dai tre ai cinque cucchiai di zucchero;
  • dai due ai quattro cucchiai di farina;
  • olio per frittura;
  • mezzo cucchiaino (rasissimo) di noce moscata;
  • un cucchiaino raso di lievito.

Utensili:

  • Una ciotola di medie dimensioni;
  • alcuni cucchiai e una forchetta;
  • una padella;
  • una grattugia a trama fine;
  • un setaccio.

Preparazione:

Grattugiamo la zucchina con la grattugia a trama fine, così da ottenere una sorta di pastella che poi andiamo a sistemare sul setaccio. Schiacciamola con le nocche per levare il liquido in eccesso, e sistemiamo il composto nella ciotola.

Aggiungiamo l’uovo e amalgamiamo per bene, quindi aggiungiamo lo zucchero – io ho cominciato con tre cucchiai, ma dipende dalla dimensione della zucchina. Incorporiamo, e iniziamo ad aggiungere la farina, tenendo sempre un cucchiaio in meno rispetto allo zucchero: avendo messo tre cucchiai di zucchero, ne metteremo due di farina (non è necessario setacciarla).

Se il composto vi risulta ancora liquido, aggiungete zucchero e farina, sino a ottenere un impasto sodo. Quando la consistenza si avvicina a quella giusta (una pastella soda e densa) aggiungiamo il lievito e la noce moscata.

Solo a questo punto mettiamo a scaldare l’olio – che non deve essere caldissimo, altrimenti le frittellerisulteranno crude all’interno – quindi prendiamo due cucchiai, e facciamo scivolare nell’olio poco più di mezzo cucchiaio d’impasto, senza allungarlo, in modo che formi una pallina. Fatene sinché riuscite, e giratele ogni tanto, sin quando non assumono un colore bruno-dorato (ma non troppo, mi raccomando!).

A questo punto mettetele a scolare su della carta assorbente.

Servite con una bella spolverata di zucchero e mangiare tiepide – o ancora meglio, fredde!

Annunci

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: